Buonasera a tutti,
oggi Fabio Mistri ed io abbiamo partecipato alla riunione dei direttori dei porti della Costa Azzurra, Monaco e Liguria, presso il porto di Cannes.

Oltre i direttori erano presenti il Comandante Jaques Conzales in rappresentanza del GEPY (associazione dei comandanti francesi), rappresentanti del MYBA, della CCI Chambre de Commerce et d’Industrie, Affaire Maritime de Monaco.

Abbiamo trovato la riunione molto interessante e loro sono stati molto interessati alle nostre domande e proposte.

All’ordine del giorno c’era:

1) La petizione contro la tassa sulle barche alla fonda.
In pratica il testo di legge sta cambiando durante il suo iter tra la camera e il senato Francese.
Siccome c’è stata opposizione da parte di operatori del settore, camera di commercio, autorità locali, la petizione, sembra che la decisione se e come applicarla sarà lasciata alle autorità locali.
Bisognerà aspettare per l’esito. Per ora non è entrata in vigore.

2) L’IVA sui charter ed esonerazione IVA per gli yacht commerciali.
Anche qui c’è un testo di legge che stanno creando e modificando.
Sembra che per avere un tasso IVA ridotto sul charter e sulle forniture bisognerà effettuare almeno il 70% della navigazione in acque internazionali nel corso dell’anno per usufruire dell’esenzione e riduzione di IVA l’anno seguente.
Abbastanza complicato.
Anche qui c’è una discussione tra operatori del settore e camera di commercio con la classe politica.
Vedremo il risultato in seguito.

3) Organizzazione di stages per studenti delle scuole nautiche e alberghiere.
Abbiamo parlato del programma di IYM e sono stati molto interessati.
Alla fine i direttori dei porti ci hanno chiesto di creare un piccolo comitato formato da rappresentanti di IYM, GEPY, PYA (che non era presente, ma che verrà coinvolto), MYBA, Porto di Cannes e Porto di Loano per creare un progetto stage a bordo per studenti. Ma non solo, anche per uno scambio di stage tra personale dei porti (a bordo) ed equipaggi (nei porti), per poter conoscere le reciproche esigenze.
Per praticità logistica considerando che siamo quasi tutti basati ad Antibes, ci siamo offerti:
Il sottoscritto per IYM, sempre che il CD sia d’accordo
Jaques Conzales per il GEPY
Fiona Maureso MYBA
François Gillet per Port de Cannes (che ci mette a disposizione la sala riunioni)
Mauro Cornacchia per la Marina di Loano (l’unico distante…)
L’obiettivo è di presentare un progetto alla riunione dei direttori dei porti che si terrà ad Imperia il 15 ottobre.

4) Smaltimento delle acque grigie quando si sosta nei porti e la raccolta differenziata dei rifiuti.
Qui la Marina di Loano ha fatto una bellissima figura essendo l’unica presente ad avere impianti di smaltimento con connessione diretta in banchina!
In Costa Azzurra alcuni porti e a Monaco il sistema più usato sono i camion e le chiatte (tipo Ecotank).
Monaco sta man mano creando sistemi di raccolta fognaria con attacco diretto.
All’ IYCA ci hanno provato con un sistema di raccolta con attacco diretto in banchina, ma non funzionava.
Altri porti non hanno ancora organizzato alcun sistema.
Per quanto riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti, i porti sono equipaggiati, ma sono ancora poche le barche che differenziano.
Hanno già provato in diversi modi a spingere per la raccolta differenziata, ma senza grossi risultati.
I direttori dei porti chiedono a noi Comandanti di sensibilizzare i nostri equipaggi in merito.

5 e 6) Ingrandimento dei porti in Costa Azzurra e cantiere per barche dai 40m
Ad oggi non c’è la volontà politica, anche se c’è una domanda forte in merito.
Per di più tra 7 anni i concessionari che gestiscono i porti “privati” della Costa Azzurra” finiranno il loro periodo di licenza. Ci saranno sicuramente dei cambiamenti.

Alla fine della riunione, come proposto da Carlo Summonti nei giorni scorsi, abbiamo invitato i partecipanti di oggi al Legal Day del 20 aprile.
Fiona Maureso, presidente MYBA, ha detto che ci manderebbe una rappresentante italiana (non ricordo il nome).

Caro Fabio, se ho dimenticato qualcosa aggiungi pure…

Cordiali saluti
David

Kind regards,

David Piardi