Nuovo codice del diporto , molta insoddisfazione.

Lascia un commento

A parte i comunicati trionfalistici , recentemente apparsi sulla stampa di settore , anche questa riforma del codice della nautica da diporto sembra essere un altro potenziale flop , calato dall’alto e senza l’attiva partecipazione di coloro che la nautica da diporto la fanno muovere ovvero i marittimi impiegati nel diporto. Avanti cosi’, tanto ormai e’ chiara l’assoluta indifferenza della Amministrazione per questi lavoratori .

Dal sole 24 ore

Riforma del Codice della Nautica, bene, ma non basta. In queste ore di confronto finale, Ucina Confindustria Nautica ha chiesto al Ministro Graziano Delirio alcune modifiche al testo approvato dal Consiglio dei Ministri. Secondo l’Associazione – che rappresenta la filiera, dalla cantieristica alla componentistica, dai servizi fino al turismo, con oltre l’80% delle industrie e il 65% del fatturato – per dare risposte al settore e ai diportisti c’è bisogno di maggiore incisività. Una posizione condivisa dalle altre rappresentanze convocate ufficialmente ieri dal Capo Legislativo del MIT, Pietro Vella, e dal Capo di Gabinetto, Mauro Bonaretti: per i porti turistici Assomarinas, per le agenzie nautiche Confarca e Unasca, Assilea per il leasing, oltre a Federazione Vela.

“I lavori preparatori sono stati lunghi e faticosi e voglio ringraziare per il coinvolgimento gli uffici della Direzione Trasporto marittimo e il Direttore Enrico Pujia (Che nel frattempo ha passato il testimone a Mauro Coletta) all’Anm. Vella” – commenta la Presidente Ucina, Carla Demaria. “Ma non possiamo perdere un’occasione unica come la riforma del nostro testo legislativo non sfruttandola fino in fondo. Per questo chiediamo al Ministro Del Rio, che giovedì aspettiamo per inaugurare il 57mo Salone Nautico Internazionale di Genova, ogni ulteriore supporto per renderci pienamente competitivi rispetto ai sistemi inglesi, maltesi, francesi e spagnoli”.

UCINA Confindustria, che è stata l’unica Associazione di categoria accreditata a tutti i tavoli tecnici, svolgendo un ruolo di raccordo fra le istanze associative e l’Amministrazione, oggi si fa carico delle richieste del settore, per l’inserimento nel Codice del Registro telematico delle unità da diporto e dello Sportello telematico del diportista e per l’adeguamento alla Direttiva 2013/53UE per rendere effettiva la tutela sul mercato contro la contraffazione del marchio CE. Poi, soprattutto, per maggiori semplificazioni: per le unità e le attività commerciali e per quelle iscritte al Registro Internazionale, per i cantieri e l’uso della targa prova, per l’immatricolazione sotto bandiera italiana, per i titoli professionali. (R.Ne.)

 

 

 

 

Annunci

Progetto della Regione Liguria WORK IN BLUE che prevede la formazione di figure professionali MARINAIO/HOSTESS/STEWARD DEL DIPORTO.

Lascia un commento

Buongiorno,

sperando far cosa gradita inoltro il materiale relativo al progetto della Regione Liguria WORK IN BLUE che prevede la formazione di figure professionali chiave del settore della nautica, attualmente di difficile reperimento: MARINAIO/HOSTESS/STEWARD DEL DIPORTO.

Mi permetto quindi di divulgare il materiale allegato con la preghiera di darne massima diffusione soprattutto ai giovani che intendono  iniziare una carriera a bordo.

Le iscrizioni sono aperte fino al 6 ottobre ed al termine del corso i partecipanti otterranno le certificazioni base per l’ avviamento all’ imbarco.

 

 

scarica la brochure :

brochureok

articolo Secolo XIX

 

 

 

 

 

 

 

decreto legislativo che rivede e integra il Codice della nautica da diporto

Lascia un commento

> (ANSA) – ROMA, 15 SET – Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che rivede e integra il Codice della nautica da diporto e attua la direttiva europea sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri riguardanti le imbarcazioni da diporto. Lo rende noto il comunicato stampa del Cdm. Il testo rafforza la tutela di interessi pubblici generali, tra i quali la protezione dell’ambiente marino, la sicurezza della navigazione, la salvaguardia della vita umana in mare e la diffusione tra le nuove generazioni della cultura e dell’educazione marinara, prevedendo al contempo interventi tesi allo sviluppo di un turismo sostenibile e costiero. Inoltre, il provvedimento semplifica i procedimenti amministrativi del diporto nautico, in modo da favorire la competitività e la capacità di attrazione di investimenti nel settore e da promuovere la crescita del volume commerciale

 in ambito diportistico. Gli ambiti d’intervento riguardano: il regime amministrativo e la navigazione delle unità da diporto; le attività di controllo in materia di sicurezza della navigazione da diporto; la revisione della disciplina sanzionatoria in relazione alla gravità e al pregiudizio delle condotte; le procedure per l’approvazione e l’installazione di sistemi di alimentazione con GPL, metano ed elettrici sulle unità da diporto di nuova costruzione o già immesse sul mercato. Nello specifico, il testo prevede: – la previsione, nell’ambito delle strutture ricettive della nautica, di un numero congruo di accosti riservati alle unità in transito, con particolare attenzione ai posti di ormeggio per i portatori di handicap; – la destinazione per la nautica minore delle strutture demaniali, pontili, arenili e piazzali, che presentino caratteristiche particolarmente idonee per essere utilizzate quali ricovero a secco (dry storage) di piccole imbarcazioni, garantendo comunque la fruizione pubblica delle medesime aree; – criteri di razionalizzazione ed economia delle risorse istituzionali destinate all’attività di controllo in materia di sicurezza della navigazione; – l’equiparazione, a tutti gli effetti, alle strutture ricettive all’aria aperta, delle strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di turisti all’interno delle proprie imbarcazioni ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato; – l’inserimento della cultura del mare e dell’insegnamento dell’educazione marinara nei piani formativi scolastici, anche attraverso l’istituzione della giornata del mare nelle scuole; – l’istituzione della figura professionale dell’istruttore di vela nel rispetto dei principi generali della sicurezza nautica e della salvaguardia della vita umana in mare, fatte salve le prerogative costituzionali delle regioni. Infine, il testo rivede la disciplina sanzionatoria, relativamente alle violazioni commesse mediante l’utilizzo di un’unità da diporto. Si prevedono, in particolare, sanzioni più severe a carico di coloro che conducono unità da diporto in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, nonché nei confronti di coloro che utilizzando unità da diporto causano danni ambientali, ovvero determinano una situazione di grave rischio per la salvaguardia dell’ambiente e dell’ecosistema marino.(ANSA).

Attestato aggiornamento antincendio di Base. Novità’.

Lascia un commento

…A R G O M E N T O :

Decreto 2 maggio 2017 “Istituzione del corso di sopravvivenza e salvataggio per il personale marittimo”;
Decreto 2 maggio 2017 “Istituzione dei corsi antincendio di base e antincendio avanzato per il personale marittimo inclusa l’organizzazione antincendio a bordo delle navi petroliere, chimichiere e gasiere”.

scarica la lettera in PDF

LETTERA CIRCOLARE ATTESTATO AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO DI BASE

Chiarimenti ammissioni esame CoC

Lascia un commento

 

Scarica qui  il testo della circolare:

lettera mit

Hurricane Irma . Solidarietà’

Lascia un commento

YachtAIDglobal

DELIVERING AID THROUGH A GLOBAL YACHTING COMMUNITY

YachtAid Global has been dedicated to providing disaster relief aid and humanitarian support to remote coastal communities since 2006.

Entirely unique in its operation, YachtAid Global has developed an extensive network combining yacht owners, yacht crew, logistics volunteers and donors who purchase and/or deliver developmental and disaster relief aid, to affected remote coastal communities.

Over the past decade the registered nonprofit organisation has delivered aid to over 20 countries in collaboration with more than 40 superyachts and approximately 400 crew, positively impacting over 100,000 people worldwide.

 

 

 

PYA , con il supporto di Mathieu Croix / Jean-Philippe Maslin INCE & CO ci aiuta a comprendere meglio la situazione fiscale Francese .

Commenti disabilitati su PYA , con il supporto di Mathieu Croix / Jean-Philippe Maslin INCE & CO ci aiuta a comprendere meglio la situazione fiscale Francese .

 

Per il documento in PDF  scarica qui:

MEMO – MYBA – French Social Security Update

 

 

Older Entries