Certo che e’ amaro constatare che dopo molti mesi e molte migialia di euro sborsate da Comandanti e Ufficiali per frequentare il corso direttivo e sostenere il relativo esame , nessuno dica nulla. Silenzio dei sindacati , mute le associazioni , qualcuno cavalca la tigre attribuendosi il merito quando in passato aveva elogiato come necessario ed indispensabile il corso direttivo per tutti.

Ma e’ possibile che a pagare siano sempre i piu’ deboli;  gente che lavora orari impossibili , in condizioni difficili , lontani dalla famiglia , ma con la grande colpa di essere incapace da sempre di fare fronte comune , come altre categorie   che quando vogliono riescono a paralizzare il paese.

Il marittimo , si indigna , si lamenta , magari firma anche  la petizione ma gia’ sa che il suo destino e’ quello  di subire l’ingiustificata arroganza della amministrazione , l’ignoranza   dei legislatori  sulla materia, le interpretazioni  di comodo o fantasiose delle normative europee ed internazionali.

Ma il giorno della resa dei conti  non arriva mai?  La  mia sincera preoccupazione  e’ per quei pochissimi ragazzi che incominciano a navigare  con un’unica certezza :  non saranno mai artefici del loro destino fino a quando non saranno in grado di far valere i propri diritti.

Annunci