Interessante , ma scontata la risposta della commissione EU ( già’ pubblicata su questo blog ).

Sono ormai  anni che ripetiamo fino alla noia  su questo BLOG che  l’EMSA ha il solo compito  di rilevare le  non conformità’  alla normativa EU in vigore.

Sono anni che il MIT ci prende in giro , senza ritegno , nascondendosi dietro il dito della procedura di infrazione , che ad essere obiettivi , e’ tutta responsabilità’ del MIT e del MUIR.

Siamo lieti che qualcuno in EU abbia riconosciuto le OOSS come parte fondamentale autorevole ed indispensabile del dialogo , peccato che non godano di altrettanta considerazione da parte dei dirigenti del MIT , che si limitano ad informarli a decisioni prese,  relegando le OOSS a semplici ed innocui testimoni .

Personalmente non prenderei  cosi’ alla leggera la legittima reazione delle Associazioni  dei Marittimi , che hanno dimostrato di essere molto piu’ attive e vigili di quanto non lo siano state le OOSS relativamente alle problematiche inerenti alla categoria .

Il TAR  fino ad ora non ha ancora deciso nel merito dei problemi  in causa , quindi prima di sparare  commenti  negativi , su azioni legali ”scomposte ”, come se chiedere giustizia agli organi preposti fosse una cosa vergognosa ,  portate avanti dalle associazioni di categoria , aspetterei  le sentenze.

Se siamo arrivati al punto di dover ricorrere al TAR significa che la trattativa sociale ha ampiamente fallito e su questo qualcuno dovrebbe farsi delle serie autocritiche.

Sono decenni che purtroppo l’unica vittima  e’ il marittimo italiano.

 

 

 

 

 

corsidirettivifitcisl.jpg

Annunci