Anche questa circolare come al solito e’ scritta in una lingua che poco ha a che fare con l’italiano .

Siamo in molti a non capirla , sia per quanto riguarda il senso e la fondatezza di quanto si richiede ai marittimi , nonostante quanto asserisce la commissione EU ( non retroattività’ ) , sia riguardo alla mera comprensione del testo.

Una delle questioni fondamentali , la data di febbraio 2002 si riferisce al rilascio del CoC?
Alla data dell’Esame e quindi del conseguimento del Titolo di ClC o Aspirante ?
Alla data di rilascio di uno dei vari modelli ( 3c-6c etc ) di certificato IMO 78 dell’epoca?
Ma soprattutto se si era Uffciali , o comandanti/ direttori tra 500 e 3000 gt/KW ( all’epoca esistevano anche tanti altri certificati derivati da altri tipi di formazione per esempio Padrone marittimo / comandante fino a 7.000 ) Quali esattamente sono considerate qualifica valide alla fine dell’esenzione ? C’e una discriminante tonnellaggio / qualifica ?

Sinceramente crediamo che la proposta piu’ sensata e sulla quale speriamo i Sindacati mantengano una posizione ferma ed intransigente e’ quella di questa richiesta di chiarimenti del Collegio Capitani l.c. e m. ovvero applicazione del corso direttivo solo dal 2014 in poi.

Circolare no 28 serie XIII della Gente di Mare del 05 .06 2014, si impartivano le Disposizioni Operative relative la Decreto Dirigenziale 4 dicembre 2013,n 1365, istituente il corso Direttivo per ufficiali di Coperta e Macchina, esentava l’applicazione della norna Primi Ufhciali di Coperta e Macchina, i Comandanti e i Direttori di Macchina che avessero conseguito la certifica- zione prima del 14 genr.aio 2014.

Richiesta interpretazione art. 4 par. 1 del DM 1 Marzo 2016

Advertisements