In allegato inviato il testo del decreto del Ministero dell’Ambiente 12 maggio 2016 , n. 101 . “Regolamento recante l’individuazione delle modalità di raccolta, di smaltimento e di distruzione dei prodotti esplodenti, compresi quelli scaduti, e dei rifiuti prodotti dall’accensione di pirotecnici di qualsiasi specie, ivi compresi quelli per le esigenze di soccorso, ai sensi dell’articolo 34 del decreto legislativo 29 luglio 2015, n. 123” che coinvolge anche i segnali pirotecnici di soccorso previsti come dotazioni di sicurezza sulle unità da diporto.

Il decreto in questione non è stato concertato con il Ministero dei Trasporti ed è pubblicato proprio nel momento in cui UCINA è in attesa di essere convocata, dietro propria richiesta, dal Vice Capo di Gabinetto del Ministro degli Interni per discutere di alcune proposte per risolvere l’annoso problema dello smaltimento delle dotazioni di sicurezza pirotecniche scadute sulla scorta anche della lodevole iniziativa di ritiro dei razzi scaduti promossa alcuni anni fa da alcuni uffici periferici della Capitaneria di Porto.

Il decreto del Ministero dell’Ambiente appare ad una prima sommaria lettura di difficile applicazione dal punto di vista pratico sia per alcune apparenti contraddizioni nel testo del decreto medesimo che per la mancanza di dettagliate procedure per la raccolta e lo smaltimento.

UCINA si sta già muovendo per studiare la questione al fine di suggerire alle aziende associate gli opportuni accorgimenti e comportamenti a tutela delle aziende.

Cordiali saluti

Il Presidente del Consiglio di Presidenza del Settore Accessori Dott. Alberto OsculatiDM-MINAMBIENTE-1-2016