Siamo venuti a conoscenza del carteggio pubblicato sul sito  WWW.AMADI.ORG tra  AMADI e la Dottoressa MOLTONI del MIT di seguito riportata.

Purtroppo le notizie sono pessime e non fanno assolutamente sperare nulla di buono.

Ancora una volta vedremo professionisti , ufficiali e comandanti con titolo STCW mercantile  che navigano nel diporto con titoli STCW revocati e/o declassati in quanto , a differenza di altri paesi europei come  descritto in precedenti articoli in questo blog, che  ritengono la navigazione effettuata nel diporto utile al rinnovo dei titoli , in Italia siamo piu’ realisti del re e piuttosto ci prepariamo a denunciare l’MCA al Commissione Europea , per inadempienza dei dettami del codice STCW. Intanto i marittimi inglesi procedono in carriera e rinnovano i titoli  e conservano l’occupazione mentre a quelli italiani resta solo darsi alla pirateria in quanto si butta via il bambino con l’acqua sporca.

La Dott.ssa Moltoni e’ chiarissima  per chi ancora si facesse qualche illusione:
Il diporto in uso privato non e’ utile a rinnovare i certificati  e la competenza  deve essere dimostrata con il servizio su navi appropriate, ovvero certificati > a 3000  periodo di servizio su navi >3000  etc.

p.s. E quelli che hanno  quella sottospecie di finto titolo STCW detto del diporto  e non navigano su unita’ adibite al noleggio , anche loro perderanno il titolo ?

Forse una volta perso il titolo e di conseguenza il posto di lavoro dovremmo andare a Roma a chiedere ragione  ai nostri illuminati  governanti , politici e amministrativi che non sono in grado di rappresentare, presso l’IMO  un settore che rappresenta tra cantieristica, indotto , portualita’, refit e turismo nautico almeno 3 punti del PIL grazie anche al lavoro dei comandanti italiani,

Di seguito la lettera dell’AMADI :

Gent.ma Dott.ssa Moltoni, 
in attesa di veder pubblicati i decreti attuativi del provvedimento in oggetto, abbiamo fatto una ricerca su come hanno agito altri Paesi in merito al recepimento della stessa direttiva.
Cito ad esempio il solito Regno Unito, che ormai da qualche anno sembra dettare la linea per quanto riguarda la marineria in generale, e più in particolare quella sul diporto.
La prima differenza che ho notato, nell’ambito di applicazione del “Merchant Shipping Regulations 2015” è che in alcune parti si applica anche alle unità da diporto (pleasure vessels, anche se limitatamente a quelle superiori ai 24 metri o alle 80 GT), mentre in altre le esclude in toto. A nostro avviso questo non è sbagliato, specie quando si parla dei marittimi imbarcati, che restano tali indipendentemente dall’unità su cui lavorano.
Ma la differenza più eclatante è riguardo al rinnovo dei certificati di competenza: non si tratta di una novità, ma è bene tornare a ribadirla: un ufficiale inglese rinnova le sue certificazioni (tutte: commerciali e diporto) con navigazione su qualsiasi unità superiore ai 24 m. o 80 GT. 
Non solo, trova finalmente applicazione quanto previsto dalla STCW, che permette il rinnovo con 3 mesi di navigazione negli ultimi 6.
Ora non sappiamo come il legislatore italiano intenderà comportarsi a riguardo, certo è che se volesse mantenere ai fini del rinnovo dei certificati la distinzione tra mercantile e diporto, mantenendo l’obbligo dei 36 mesi di navigazione su yacht (o altra unità inferiore a 500 GT) per rinnovare un certificato di Comandante >3000 GT, sarebbe a nostro avviso estremamente penalizzante. 
La concorrenza non solo dei marittimi inglesi, ma a questo punto anche delle loro certificazioni, rispetto alle nostre, diventerà insostenibile.
Non Le sarà certamente sfuggito, pure se le Sue competenze sono rivolte maggiormente al settore mercantile, che nei confronti dei Certificati del Diporto vi è ultimamente un totale disinteresse, mentre sempre più appetibili sono diventate le certificazioni MCA.
Contiamo su di Lei e sul Suo interessamento per far sì che la nostra marineria non venga ulteriormente penalizzata.
Cordiali saluti,
Luciano Panizzutt
Associazione Marittimi Diporto

e la risposta della dott.ssa Stefania MOLTONI  dirigente MIT

VPTM.REGISTRO UFFICIALE.2015.0013202

Non ci resta che prendere i titoli  STCW MCA  almeno come marittimi siete tutelati .

Massima diffusione