Non tutti sanno che se si viaggia nella Comunità’ Europea , con del contante per una cifra superiore ai 10.000 eu e’ obbligatorio fare una dichiarazione nel primo obese di ingesso nella EC.
Di seguito un manuale operativo , pubblicato per chi effettua i controlli ma decisamente utile agli utenti per meglio comprendere.
Ringraziamo il com.te Cervetto per questo prezioso apporto.

4.6.4. Denaro contante trasportato su navi e aeromobili
4.6.4.1. Navi commerciali (passeggeri, da carico, mercantili e pescherecci)
Le persone fisiche (capitano, equipaggio o passeggeri) in entrata nell’UE o in uscita dalla stessa via nave e con denaro contante di importo pari o superiore a 10 000 EUR devono presentare una dichiarazione alle autorità competenti, al primo punto di entrata o all’ultimo punto di uscita, a seconda dei casi.
È prevista un’eccezione per le persone fisiche che trasportano denaro contante di importo pari o superiore a 10 000 EUR a bordo di altre imbarcazioni (come mercantili, pescherecci, navi da carico e navi passeggeri in entrata nell’UE o in uscita dalla stessa) nel caso in cui le persone fisiche che trasportano un ammontare pari o superiore a 10 000 EUR, rimangano a bordo dell’imbarcazione.
Il capitano (o un eventuale rappresentante, come un agente marittimo) di una nave passeggeri, di un mercantile o di un peschereccio deve dichiarare eventuali somme pari o superiori a 10 000 EUR [ad esempio, importi forniti dal proprietario della nave per pagare gli stipendi dell’equipaggio e altre spese di scalo (cassa di bordo)] nel caso in cui tale denaro contante sia portato a bordo o scaricato in entrata nell’UE o in uscita dalla stessa.
Esempi
Un viaggiatore di una nave passeggeri che arriva al primo porto dell’UE e che non scende dalla nave, non deve dichiarare il denaro contante di importo pari o superiore a 10 000 EUR. Tuttavia, se il passeggero lascia la nave con un importo di denaro contante pari o superiore a 10 000 EUR, allo scalo successivo nell’UE deve effettuare la dichiarazione a tale punto di entrata. Se un passeggero con un importo pari o superiore a 10 000 EUR si imbarca su una nave con destinazione un porto al di fuori dell’UE, la dichiarazione deve essere effettuata prima dell’imbarco. Nel caso
23
Manuale di orientamenti per i controlli sul denaro contante
in cui un passeggero che inizia il proprio viaggio nell’UE custodisca sulla nave un importo pari o superiore a 10 000 EUR e parta da un porto all’interno dell’UE senza trasportare il denaro, non deve effettuare la dichiarazione.
4.6.4.2. Imbarcazioni a vela/da diporto
Il capitano e/o l’equipaggio/i passeggeri di imbarcazioni a vela o da diporto (ossia imbarcazioni utilizzate per scopi personali ricreativi, al contrario delle navi commerciali) hanno l’obbligo di procedere con le pratiche di sdoganamento e di dichiarare il denaro contante di importo pari o superiore a 10 000 EUR se diretti in un paese terzo e se in arrivo nell’UE da un paese terzo, anche nel caso in cui rimangano a bordo. La legislazione nazionale, purché venga garantito l’obbligo di dichiarazione, può disporre altre procedure di routine.

TAXUD. MANUALE PER I CONTROLLI SUL DENARO CONTANTE