A Formentera esiste nella spiaggia piu bella e piu’ frequentata una riserva marina che sembra essere un buon compromesso tra ambiente e fruizione sostenibile. IL patrimonio delle limpide acque di Formentera e’ dovuto al lavoro di filtro che le praterie di Posidonia effettuano e quindi la Riserva Marina si preoccupa di preservarle pur lasciando ancorare le numerose barche che tutta l’estate affluiscono a questo ambito angolo di paradiso dalle acque cristalline.
1) La prevenzione .Quando vi avvicinate per dare fondo un addetto della Riserva Marina si avvicina e vi indica il punto di fonda piu’ adatto, sulla sabbia , dove la vostra ancora e la vostra catena non possono arrecare danno alcuno . Ovviamente la barca deve avere un apposito serbatoio per le acque nere e grigie per accedere alla Riserva.
2) Controllo e repressione . Dopo qualche ora passa un tender della Guardia Civil con sub e idonee lampade per verificare se realmente la vostra ancora e catena sono posate sulla sabbia. In caso contrario siete passibili di una sanzione.

Dal lato opposto dell’isola esiste anche un cavo sottomarina ben segnalato sulle carte ma troppo spesso ignorato, appena vi avvicinate il vostro AIS inizia ad urlarvi minaccioso che se date fondo sul cavo e lo danneggiate sarete tenuti a pagarne le spese.. Vi assicuro che un invito cosi’ pressante scoraggia chiunque ad ignorare tale avvertimento .
A voi il paragone con le nostre aree Marine Protette.

Annunci