Evasione fiscale targata Ministero dell’Ambiente

Questa e’ la prima volta che mi capita di assistere a qualcosa del genere.
All’ancora in una delle piu’ rinomate isole dell’arcipelago Campano, noto una bettolina arancione con una bella scritta sulla murata Ministero dell’Ambiente , che tutti i giorni raccoglie la spazzatura dalle imbarcazioni alla fonda.
Orgoglioso di tale efficiente organizzazione , chiedo informazioni e chiedo anche se il servizio e’ gratuito o a pagamento .
A pagamento mi viene detto , con un tariffario inventato al momento ( a sacchi a bidoni a occhio ) , di cui non si riesce a sapere maggiori dettagli , diciamo che e’ una recita a soggetto .
Alla specifica richiesta di una ricevuta/fattura mi viene detto chiaramente che conviene a me ed all’operatore fare senza in nero.
Niente ricevuta niente fattura. Si risparmia entrambi .
Sono rimasto un attimo interdetto come fa il Ministero dell’ambiente a evadere l’IVA , come un qualsiasi cittadino truffaldino.
Ho domandato nuovamente agli operatori del battello che volevo la fattura, facendo notare che era una contraddizione che il Ministero dell’ambiente evadesse l’iva, ancora una volta mi e’ stata consigliata la versione light. Paghi e taci.
Ovviamente non e’ il Ministero ad evadere ma degli operatori disonesti che intascano quello che prendono al nero…….. Quale bel biglietto da visita……..
Ops ! Cambio di rotta , sono passati a recuperare la spazzatura e la tariffa e’ diventata un regalo una mancia …. ovviamente niente fattura. Un dubbio mi assale probabilmente ‘ un servizio gratuito e come ai parcheggiatori abusivi sulle linee blu pagliamo il pizzo oppure e’ a pagamento ma lo Stato non introita nulla perche’ qualcuno raccoglie regalie e mance invece di tariffe ..
Paese senza speranza .