ATTUAZIONE DEFINITIVA DEL NOLEGGIO OCCASIONALE

 

Lo scorso 26 febbraio il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato, di concerto col Ministero dell’Economia e delle Finanze e col Ministero del lavoro e delle politiche sociali, un decreto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15/04/2013, avente ad oggetto le modalità di comunicazione telematiche necessarie per lo svolgimento dell’attività di noleggio occasionale.

La misura permette di dare piena attuazione all’articolo 49-bis – “noleggio occasionale” – del Codice della nautica, introdotto con il DL n.1/2012 (Cresci Italia). L’obiettivo è di sviluppare il noleggio offrendo un’opportunità di rilancio al settore, incentivando al contempo l’emersione con un regime fiscale agevolato. In particolare, si punta a intercettare l’ampia fascia di domanda proveniente da soggetti disposti a utilizzare occasionalmente un’unità da diporto ma non in condizione di acquistarla, dovendo sostenere anche i relativi costi di esercizio.

Il decreto al suo interno contiene il nuovo prospetto di comunicazione obbligatoria che dovrà essere inviato dalle persone fisiche, o dall’utilizzatore in leasing, che effettuano attività di noleggio in forma occasionale. Il modello da inviare sarà quindi unico, e dovrà essere inviato – preventivamente all’inizio di ogni attività di noleggio occasionale – oltre che all’Agenzia delle Entrate e alla Capitaneria di Porto, anche all’Inps e all’Inail nei casi in cui il noleggio dia luogo a prestazioni di lavoro accessorio (skipper, assistenti, mozzi, etc.), con le seguenti modalità:

– il modello da inviare al Fisco, oltre a fornire una scelta più ampia tra i formati elettronici (pdf, gif, tff o jpg), dovrà essere allegato, invece, a un messaggio di posta elettronica da inoltrare alla casella della direzione centrale accertamento dell’agenzia delle Entrate: dc.acc.noleggio@agenziaentrate.it;

– per le comunicazioni alle Capitanerie di Porto il decreto prevede che i soggetti obbligati devono compilare e sottoscrivere il modello in formato pdf che è disponibile sul sito istituzionale delle Capitanerie e inviarlo per posta elettronica alla Capitaneria competente per territorio;

– nel caso in cui il noleggio occasionale dia luogo a una prestazione di lavoro accessorio, la comunicazione dovrà essere inviata anche all’Inps e all’Inail secondo le regole già in uso per le comunicazioni preventive per l’inizio di attività di lavoro occasionale accessorio. In questo caso la comunicazione dovrà indicare i dati anagrafici e il codice fiscale del titolare persona fisica o dell’utilizzatore in leasing dell’unità da diporto messa a noleggio. Inoltre, con i dati identificativi dell’unità da diporto dovranno essere comunicati anche quelli del soggetto che presta lavoro occasionale, il tipo di attività lavorativa svolta e le date di inizio e fine del lavoro.

Una copia della comunicazione, accompagnata dalle ricevute delle avvenute trasmissioni agli uffici dell’Agenzia delle Entrate e della Capitaneria (e se del caso di Inps e Inail), nonché da una copia del contratto di noleggio occasionale, dovranno essere tenute a bordo dell’unità da diporto e messe a disposizione in caso di controlli.

AVV. ANTONELLO VITTORIO MELONI

Via F. Garavetti, 22/B – 09129 Cagliari

Tel. 334.7079840 – Fax. 070.668049

Mail: melonistudiolegale@tiscali.it

Pec: avv.antonellomeloni@pec.it

Web: www.studiolegalemeloni.eu

Annunci