Illustre Presidente Napolitano,
io sono certo Lei, più volte eletto in entrambe le Camere, sa che noi marittimi non abbiamo, in pratica, diritto al voto.
Noi marittimi quando siamo imbarcati non abbiamo diritto al voto anche se la nave si trova in porto, anche se il comandate della stessa nave avrebbe l’autorità giuridica per rendere il voto legale.
Signor Presidente, anche noi siamo cittadini italiani di serie A. 
Pensi che noi, anche se volessimo, non potremmo neanche evadere le tasse perché siamo lavoratori dipendenti.
Signor Presidente, Lei ci insegna che una democrazia si dice compiuta quando essa è corale, io Le domando se ad una parte dei cittadini di una nazione non si dà la opportunità di esprimere il voto di preferenza politica, questa stessa nazione è a pieno titolo democratica?
Se Lei, Signor Presidente, non ricorda di essere anche il presidente dei marittimi italiani, a chi ci dovremo rivolgere ?

Con ossequio

 
Giorgio Blandina