Nella flotta della compagnia di navigazione Tirrenia ce ne sarebbero 11, secondo l’Osservatorio Nazionale Amianto. “Le imbarcazioni contenenti amianto sono 11 – precisa il presidente Ezio Bonanni – Questo ci risulta a seguito delle denunce di numerosi dipendenti della Tirrenia.
Due marittimi sono già deceduti per mesotelioma ed un altro è in condizioni molto gravi. Diversi sono i dipendenti della Tirrenia malati di patologie derivanti da amianto”. E la salute non la rischiano soltanto i marinai della compagnia ma anche i passeggeri visto che i traghetti stanno ancora funzionando regolarmente.
La Procura della Repubblica di Crotone ha avviato un’inchiesta nei confronti di Tirrenia e analogo procedimento pende presso la Procura di Milano e di Latina .
In questi ultimi 16 anni due marittimi della Tirrenia sono deceduti, nel 2007 e nel 2010, altri si sono ammalati negli anni
“Il problema amianto riguarda anche altre compagnie di navigazione .
Come al solito ,in Italia , disponiamo di leggi avanzatissime per qualsiasi cosa , ma esiste sempre un margine , una scappatoia un cavillo che le rende inutilizzabili o inefficaci.
L’amianto è stato messo al bando nel 1992 attraverso specifiche e rigorose normative, ma ad oggi il problema persiste, in quanto la legge 257/92 non pone un obbligo di bonifica.

Fonte : IL FATTO QUOTIDIANO