A Perugia, con la consueta e preparatissima oprganizzazzione del piu’ grande cantiere di yachts italiano , il Gruppo Azimut Benetti , leader mondiale nella produzione e nell’esportazione di imbarcazioni dai 20 ai 90 metri si e’ svolto il 12 Yacht Master un momento di incontro tra i Comandanti e lo staff del Gruppo.
A ulteriore conferma della Leadership non ci sono solo i numeri relativi alle esportazioni del gruppo Azimut Benetti , il fiorente orderbook c’e’ anche la notizia di un nuovo 90 metri in costruzione nella struttura di Livorno.
Come di consueto si sono alternati interessantissimi seminari, momenti conviviali e ludici tra i comandanti della grande flotta di barche consegnate ed in consegna.
Dopo una carrellata sulle indiscusse qualita’ del Gruppo Azimut Benetti , sull’eccellente lavoro svolto nella diversificazione dell’offerta sia per quanto riguarda la produzione che il service/ refitting, il collocamento equipaggio e il quality control si sono svolti i seminari.
Tra i numerosi argomenti trattati , l’ ing, Paolo Moretti del RINA ( Registro Navale Italiano ) e’ Intervenuto sulle certificazioni del registro e sulla loro validita’ , con particolare accento sul fatto che quando una nave viene venduta se al Rina non viene notificata la vendita , pur essendo la nave dotata di certificati questi decadono .
Si e’ posto inoltre l’accento sul fatto che la mancata comunicazione al registro di eventi o incidendi che occorrano alla nave , inficia la validita’ dei certificati dalla data del sinistro occorso.
IL Dott. Carmine De Felice ha tracciato un accurato schema di come viene trattata la questione dell’IVA e della sua esenzione nelle transazioni intra comunitarie , nelle transazioni assimilate ed nelle esportazioni , dove i fattori discriminanti fondamentali sono l’uso della nave: diporto o commerciale; la bandiera dell’unita’ : EC o extra EC ; La nazionalita’ dell’Armatore : EC o extra EC .
Timon Fisher della Fraser Yachts ha illustrato un software ”MANAGEMYVESSEL” basato sulla tecnologia Cloud che consente di avere in tempo reale sui terminal di tutti coloro che sono coinvolti nella gestione e nella sicurezza di uno yacht sia a bordo che a terra tutti quei dati ed informazioni vitali per una corretta ed efficiente gestione della nave e della sicurezza ( ISM e ISPS ).
A mio parere e’ stato molto interessante , sopratutto sull’onda delle speculazioni giornalistiche che si sono succedute dopo il disastro della Costa Concordia , la presentazione del com.te Kare Langeland dello studio legale Holman Fenwick William , che ha brillantemente illustrato quante e quali parti vengano coinvolte in una investigazione successiva ad un incidente , un’ avaria , una collisione marittima .
Molto spesso la posizione del Comandante e’ la piu’ delicata , ha molteplici implicazioni , ed e’ forse la piu’ difficile da tutelare .
L’intervanto immediato di autorita’che indagano sul sinistro, di avvocati e periti delle assicurazioni, delle parti lese ,dello stesso Armatore e dei giornalisti a caccia di facili notizie sensazionali , rendono di estrema e vitale importanza la maniera in cui vengono gestite le comunicazioni che senz’altro devono essere affidate a professionisti.
Si e’ parlato inoltre delle recenti modifiche alla tassa di stazzionamento , dei vantaggi del Leasing e della Bandiera Maltese , di innovazioni tecnologiche sulla propulsione che attualmente e’ allo studio presso il gruppo Azimut Benetti relative agli ”Azipull” propulsioni azipodali e di numerose innovazioni attualmente allo studio sui sistemi di governo e stabilizzazione del grupppo OPEM NAIAD rappresentato in Italia dall’Ing. Alessandro Campini.
Nell’augurio di continuare con lo stesso spirito in futuro, un sincero ringraziamento di tutti i Comandanti va a tutto lo staff del gruppo Azimut Benetti.
Dario Savino c.l.c.